novegennaio, giovanni truppi

Il fatto è che non c’è, preghiera, laica, più bella

amici nello spazio
Sono con un amico mio
è la sera del 6 Gennaio e siamo a S. Martino

È il mio ultimo giorno a Napoli
sono qui per le vacanze di Natale
Piove ma non fa tanto freddo e non c’è troppo casino

Un po’ guardiamo la città
e un po’ ci guardiamo tra di noi
Parlando di Lavezzi
e della solitudine degli eroi

e gli racconto
che da un po’ di tempo
spesso mi viene in mente quella poesia di Dante
quella dove lui diceva

quanto mi piacerebbe
che il tempo si fermasse

mentre io me ne sto su una barca con un paio di amici miei
e qualche amichetta
a parlare d’amore e a cazzeggiare

tipo i video dei rappers americani

e poi gli dico

che non me li aspettavo tutti questi addii
pensavo che ogni cosa che amavo
poi rimaneva mia

però pensavo male
e il fatto è che non c’è
una regola o una morale
da ricavare

Sono con lo stesso amico mio
È una sera di alcuni ani dopo
lo stringo vicino

Siamo affacciati da una finestra qualunque
sopra un cortile qualunque
ma questa note ci sentiamo vicinissimi al nostro destino

Parliamo del male
in generale
di quello che abbiamo ricevuto
e di quello che commettiamo noi

e lui mi dice

lo senti

il rumore dell’Universo

in questo momento?

ti posso dare un bacio

sulla bocca?

lo sai

che noi non moriremo mai?

io penso che no
che non lo so

ma non glie lo dico

e poi gli do un bacio

a questo mio amico

Giovanni Truppi  https://www.youtube.com/watch?v=KW4SuaLvN3E

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...