Cara Mileva [ROMA]

Cara Mileva, un giorno a Roma

LM

milevaMetro di metà mattina e metà tratta. Metrò di meta lavorativa mattutina, linea A, Vittorio Emanuele. La copertina è oscurata da una borsa quadrata e ingombrante, si vede solo il profilo di una figura. I colori sono tenui: è tutto involontariamente essenziale. Fatta eccezione per la collana d’argento e le cuffiette azzurre, che fuoriescono dal neutro. La copertina del libro è di carta, con le onde blu. La curiosità di scoprire il titolo sopravvive alla prima baraonda organizzata di Termini, resiste alla seconda di Spagna, dove Lettrice trova posto a sedere. Le attenzioni e la tenacia di un piccolo musicista che si aggira nel nostro vagone le strappano quindici secondi di dedizione, o ne regalano altrettanti di colonna sonora, dipende dalla prospettiva. Di sicuro mi permettono un’improbabile rapidità nell’intercettare la misura di tanta concentrazione: è una cosa seria, una di quelle letture che assomigliano a un rito e non andrebbero…

View original post 24 altre parole

Annunci